L'arte che è la terra (e la lingua) di tutti