Il caso diamanti. Parte seconda