Prima i libri, poi la palla ovale