Tra patrocini e sale cancellate, le polemiche sul caso Palach continuano