“Siamo tutti dei maratoneti compromessi” secondo Mauro Covacich