Venezia, Calatrava: «L'ovovia non è mia»